/ALTRE SCRITTURE
ALTRE SCRITTURE2018-11-27T08:06:22+00:00

Altre scritture

Il senso dell’eterno

 Jesus, dicembre 2018
ʼădāmȃ terra dei viventi *

Le cose sembrano premerci addosso rendendo le nostre giornate sempre più affannose: gli affetti sono complicati e esigenti, le attività incalzanti e spesso accavallate, la contemporaneità ci smarrisce perché sembra aver perduto le coordinate entro cui collocavamo gli eventi. …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

2 NOVEMBRE…

 Jesus, novembre 2018
ʼădāmȃ terra dei viventi *

Interrogarsi sull’aldilà, chiedersi se esista qualcosa che, della vita umana, sopravvive alla morte, se esista un regno delle anime in cui i nostri cari, o noi saremo accolti, può sembrare un problema ozioso in questo nostro tempo così pieno di affanno, di concitazione, di spasimi per rispondere alle agitate esigenze del mondo. …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

GENOVA DI FERRO E ARIA …

 Jesus, ottobre 2018
ʼădāmȃ terra dei viventi *

“Genova mia città intera. Geranio. Polveriera. Genova di ferro e aria, mia lavagna, arenaria …” Così recita l’incipit di una Litania di Giorgio Caproni dedicata a Genova, e noi la leggiamo a consolazione di quell’immagine di una città ferita, sventrata, recisa in un’arteria da cui molti suoi figli sono precipitati nella morte, nel lutto, nell’indigenza.

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

DIRE SI’, DIRE NO

 Jesus, settembre 2018
ʼădāmȃ terra dei viventi *

A partire dalle dieci parole – i “dieci comandamenti” – che il Signore affidò a Mosè sul monte Sinai, perché servissero da guida e memoria al piccolo popolo sperduto di Israele in cerca di una terra in cui stare e di una speranza in cui credere, esortazioni e divieti si susseguono in tutte le Scritture. …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

VENTICINQUE ANNI

 Jesus, luglio 2018
ʼădāmȃ terra dei viventi *

Permettetemi di condividere con voi alcune emozioni personali che mi attraversano in questi giorni.  Dopo venticinque anni mi appresto a lasciare Uomini e Profeti, la trasmissione di cultura religiosa di Radio 3 che ho iniziato a curare e condurre, appunto, nel 1993.
Venticinque anni sono un bel pezzo di vita e anche di storia. …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

POESIA 338
Direttore Nicola Crocetti

Mensile internazionale di cultura poetica
Anno XXI, Giugno 2018, n° 338
Gabriella Caramore, “Endre Ady. Il perdono della luna.”

Con una piccola antologia poetica

Vedi il numero di giugno di Poesia, mensile internazionale di cultura poetica

LINGUAGGI IN ESODO

 Jesus, giugno 2018
ʼădāmȃ terra dei viventi *

Prendo in mano l’ultimo numero (1, 2018) della rivista Esodo, che si avvia a celebrare – senza enfasi, per carità, ma semplicemente come si fa con le scadenze della propria vita – i quarant’anni della sua esistenza, e vi trovo riflessioni interessantissime sui difficili snodi della attuale situazione sociale e politica.

Vedi qui l’ultimo numero di Esodo

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

BAMBINI, FILOSOFI, PROFETI, PATRIARCHI

 Jesus, maggio 2018
ʼădāmȃ terra dei viventi *

“L’alba della meraviglia”: questo il titolo che Nicola Zippel, un docente di filosofia alle scuole superiori, ha voluto dare a un corso di insegnamento filosofico da lui tenuto nelle classi terza, quarta, quinta elementare di alcune scuole Montessori a Roma. L’idea di Zippel è quella di far risuonare nelle menti dei bambini di otto, nove, dieci anni le domande poste dai grandi pensatori dell’antichità che hanno posto le basi del nostro sapere: che cosa c’era prima che il mondo fosse? Qual è l’origine delle cose? C’è un principio unificante dei diversi mondi? E qual è il senso della vita umana? A quali scelte si trova di fronte la creatura umana? Esiste qualcosa dopo la morte?

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

DOLCE E’ LA LUCE

 Jesus, aprile 2018
ʼădāmȃ terra dei viventi *

La luce, prima creatura uscita dal ventre della Parola di Dio secondo il racconto biblico della creazione, a sua volta genera vita sulla terra. Assieme all’acqua, al vento, alla corposità rugosa della materia, fa crescere tutto ciò che è nato, lo matura, lo accompagna nella lotta con l’informe massa del buio, con il gelo delle tenebre. …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

SCIMMIETTE E MAIALI

 Jesus, marzo 2018
ʼădāmȃ terra dei viventi *

Con i loro occhioni stupefatti e curiosi, le due scimmiette clonate in Cina per essere usate in laboratorio con lo scopo di “incrementare la ricerca medica” ci hanno interpellato, inconsapevoli, su molte questioni. Non da ultima quella della liceità o meno di “creare” dal nulla esseri viventi allo scopo di sottoporli a esperimenti che contemplano una gamma vastissima di sofferenze, fino alla morte.  …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

LA SALVEZZA NELLA LINGUA

 Jesus, febbraio 2018
ʼădāmȃ terra dei viventi *

Separarsi dai propri figli piccoli, mandarli, ancora del tutto inermi, nel vasto, sconosciuto mondo, pieno di minacce e di agguati, è l’ultima cosa che un genitore vorrebbe fare: non accudire il proprio cucciolo, non insegnargli il difficile alfabeto della vita, esporlo ai rischi e alle insidie dell’ignoto.  …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

Etty Hillesum

UN ARDORE ELEMENTARE. ETTY HILLESUM TRA DIO E MONDO.

Goethe Institut, Roma – 23 gennaio 2002

Occorre fare subito una duplice precisazione, parlando della “spiritualità”[1] di E. H.. La prima è che “spiritualità” non è una espressione che si addice a Etty: è troppo vicina a “spiritualismo”, è parola troppo astratta dalla vita reale, concreta, intrisa di terra degli esseri umani per poter essere attribuita a Etty. E tuttavia poiché avremmo problemi anche con “religiosità”, o con “fede”, per ora ci accontenteremo di questa, per indicare il rapporto con Dio che lentamente ma senza ambiguità Etty sviluppa nel corso della sua breve vita. …

[1] V. Uomini e Profeti, giugno 1996

Leggi l’intero articolo

Denis Wiserova – Auschwitz 1944

MEMORIA DELL’INIZIO

 Jesus, gennaio 2018
ʼădāmȃ terra dei viventi *

Gennaio: il mese dell’inizio. L’inizio di un nuovo anno è, ovviamente, un inizio per convenzione, che si inserisce subdolamente nell’ordine delle stagioni e dello scorrere del tempo. Ogni inizio d’anno, più che spezzare una continuità, aggiunge materia al tempo, costringendo a soppesare gli anni e a fare bilanci della propria vita. E in questo senso torna a proposito, anche se la coincidenza è casuale, il fatto che gennaio sia anche, per tradizione recente ma ormai consolidata, il mese dedicato alla “memoria”. …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

Lorenzo Lotto – Annunciazione

DOPPIO MOVIMENTO INTORNO A MARIA

 Jesus, Dicembre 2017
ʼădāmȃ terra dei viventi *

Che cosa è passato, nei secoli, nell’ immaginario dei fedeli cristiani, intorno alla figura di Maria di Nazaret? È impressionante notare come, a fronte, delle scarsissime narrazioni dei Vangeli (canonici e apocrifi) e dei testi del Nuovo Testamento una sterminata moltitudine di rappresentazioni sia sorta a partire dai tratti di una giovane madre col suo bimbo in braccio, carica di tenerezza ma anche di presagi del dolore che la vita di quel figlio le potrà causare. …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

Crisantemi  –  Stampa Giapponese

ULTIMA NOTTE DI AUTUNNO

 Jesus, Novembre 2017
ʼădāmȃ terra dei viventi *

L’orgia di quotidiana carneficina che attraversa il nostro campo visivo – massacri prodotti da azioni di terrorismo o di travolgente follia, uccisioni di donne da parte dei loro compagni, spietati crimini di malavita organizzata, eccidi causati da guerre in ogni angolo di mondo, naufraghi che sprofondano nei mari – rischia di farci dimenticare che la morte non è solo schianto improvviso, ingiustificato, iniquo, ma anche un appuntamento a cui occorrerebbe prepararsi anche nel corso della nostra vita …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

Atelier

REINVENTARE L’ERRORE

 Jesus, Ottobre 2017
ʼădāmȃ terra dei viventi *

Che cosa è un “errore”? Un inciampo sul proprio cammino, uno sbaglio compiuto involontariamente, uno scoglio che non si riesce a superare, una “colpa” che ci può segnare per sempre? O può essere anche una occasione di rimonta, un punto di partenza per un nuovo slancio, per una inversione di rotta, una opportunità per ripartire dal punto in cui ci era arrestati? ….

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

Berlino – Isola dei Musei

L’ANIMA DI UNA CITTÀ

 Jesus, Settembre 2017
ʼădāmȃ terra dei viventi *

È ovviamente una forzatura dire che una città abbia un’anima. Come se fosse una persona. Tuttavia si può dire, come di una persona, che non la si conosce mai abbastanza, che mostra un volto e ne nasconde un altro, che il suo insieme è una confluenza di mille storie diverse, che ci desta un sentimento di sintonia, o di distanza, o a volte tanti sentimenti confusi insieme.  Questa è stata la mia percezione, ambigua e contraddittoria, della città di Berlino, visitata per la prima volta quest’anno agli inizi dell’estate. ….

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

Locorotondo

UN PREMIO, UNA CITTÀ

In occasione del premio Città di Locorotondo, 46^ edizione,  conferito a Giuseppina L’Abate

Locorotondo 14 agosto 2017   [cfr. APPUNTAMENTI]

Leggi l’intero testo

Van Gogh – Cielo stellato

NUOVI CIELI, VECCHIA TERRA

Meditazione tenuta il 3 agosto ad Arte Sella e il 4 agosto a Pieve a Elici      [cfr. APPUNTAMENTI] in occasione della esecuzione di

Olivier Messiaen, Quatuor pour la fin du tempsMario Brunello al violoncello, Andrea Lucchesini al pianoforte, Marco Rizzi al violino, Gabriele Mirabassi al Clarinetto

Leggi l’intero testo

Ettore Masina

UN PASSO NON NECESSARIO

 Jesus, Agosto 2017
ʼădāmȃ terra dei viventi *

Al parroco che gli impartiva l’ “estrema unzione”, e che cercava affettuosamente di aprire un dialogo con lui nelle ultime ore prima del silenzio definitivo chiedendogli che cosa pensasse della morte, Ettore Masina ha risposto, con un guizzo improvviso della sua ironia e della sua intelligenza, che la riteneva “un passo non necessario”. L’episodio, che è stato raccontato dal figlio di Ettore, Emilio, durante il funerale, ha fatto serpeggiare sui presenti commossi e grati per la vita di questo uomo tenace, coraggioso, interprete della voce dei diseredati, la frescura di un sorriso nella chiesa gremita, calda d’afa e di emozione. …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

Carcere di Parma

EFFETTO CARCERE

 Jesus, Luglio 2017
ʼădāmȃ terra dei viventi *

Entrare in un carcere, per noi di fuori, fa sempre un effetto straniante. Proviamo un senso di soffocamento dietro tutti quei cancelli, chiavi, portoni, controlli a vista. Ci sembra irreale una vita regolamentata in tutto, eppure per lo più svuotata, con scansioni rigidissime, ma tempi estremamente dilatati, con obblighi severamente disciplinati e un quasi totale vuoto di relazioni, attività, “normalità”. Ma poi, ogni volta che veniamo a contatto con qualche detenuto, sia esso anche il più spietato dei criminali, ci rendiamo conto che ciascuno di loro ha sentimenti umanissimi nei confronti dei propri cari, nostalgie struggenti delle proprie innocenze perdute, desideri semplici e assoluti di un affetto filiale, o paterno, o amicale, di un oggetto, di un volto, di un suono della vita di prima. …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

Monte Cervino

Luigi Zanzi

MONTAGNE

 Jesus, giugno 2017
ʼădāmȃ terra dei viventi *

Molte cose accadono in prossimità di un monte. Se da sempre i popoli hanno cercato di mettere dimora presso i fiumi e le loro fertili vallate, ai monti hanno invece assegnato significati di particolare pregnanza: custodire i misteri del divino, rivelarli talvolta, accogliere eventi straordinari, fornire ancore di salvezza nella derelizione e nell’angoscia. Le vette, raggiungibili solo con fatiche e rischi, inaccessibili ai più, offuscate da nubi che accentuano l’arcano, corrusche di tempeste o di neve luccicante sotto il sole, sono da sempre state designate come sedi di ciò che non si può conoscere, di ciò che non si può afferrare.
Tutte le civiltà hanno avuto i loro monti sacri: da quella greca con il suo Olimpo, affollata casa di tutti gli dei, a quella tibetana con le sue divinità sopra il tetto del mondo, a quella giapponese con il monte Fuji circonfuso di vapori che nascondono gli spiriti degli antenati, alle pianure mesopotamiche che là dove non vi erano monti hanno tentato di imitarli con costruzioni straordinarie. Anche il mondo biblico ha i suoi sacri monti: …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

Lesotho – Wolfgang Fasser

LETTERA DAL LESOTHO

 Jesus, maggio
ʼădāmȃ terra dei viventi *

All’inizio di quest’anno, mi è arrivata una “lettera acustica” dal Lesotho, uno degli statarelli più piccoli e più poveri dell’Africa. È di un uomo speciale, Wolfgang Fasser, che ogni anno, verso novembre, si trasferisce lì per qualche mese, per prestare le sue cure di fisioterapista a chi, ferito nel corpo, lo è spesso anche nello spirito. Nel file audio si sentono rumori di povertà: piccole grida gioiose di bambini,qualche traccia di suono animale, soffi d’aria, di vento,….

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

Don Angelo Casati

APRILE, MESE DEGLI AMORI

 Jesus, aprile 2017
ʼădāmȃ terra dei viventi *

Aprile. Il mese della fioritura. Il mese del risveglio. Forse anche il mese degli amori. L’’inoltrarsi della primavera apre a un desiderio di uscire da sé per addentrarsi nei territori della natura ma anche nelle regioni dell’altro. Ma gli amori, che al loro sorgere si mostrano nella veste splendente di un itinerario perfetto, di un compimento senza sforzo, di una durata eterna, rivelano presto il peso della fatica di vivere, e quanto occorra essere saldi e duttili, persuasi e mobili al tempo stesso per evitare che si infrangano contro gli scogli della delusione, se non dello scacco …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

Don Cristiano Bortoli
(1925 – 2013)

NON AVER PAURA DELLA VITA: SEMPLICE VOCAZIONE DI UN PRETE

 Jesus, marzo 2017
ʼădāmȃ terra dei viventi *

Scandali occultati da protezioni e omertà, lussi e privilegi sfacciatamente accumulati, promiscuità sessuali esacerbate, abusi su minori reiterati nel tempo: fenomeni, all’interno della chiesa cattolica, probabilmente non più numerosi che in passato, e certo non in controtendenza rispetto a quanto esiste nel mondo civile …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

FARE CIO’ CHE LA GIUSTIZIA ESIGE

 Jesus, febbraio 2017
ʼădāmȃ terra dei viventi *

In una visione ormai globale delle tradizioni religiose nel mondo, dovremmo a questo punto  accettare il fatto che ogni espressione di fede ha la sua legittimità, sia di esistenza che di manifestazioni, sia di culto che di pensiero,  purché contribuisca, e non ostacoli, la crescita di una dimensione  umana del vivere, purché accresca, e non diminuisca, il “bene” di ciascuna creatura su questa terra. …

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Leggi l’intero articolo

Chagall – Il sogno di Isaia

NUOVO ANNO: TEMPO DI BILANCI, TEMPO DI PROFEZIE

 Jesus, gennaio 2017
ʼădāmȃ terra dei viventi

Inizia un nuovo anno. Come sempre, tempo di bilanci. Tempo anche di previsioni per il futuro: a volte incaute e sconsiderate, a volte circostanziate e prudenti, azzardate o misurate. Tempo anche di profezie? Forse. …

Leggi l’intero articolo

Aleppo (Siria) – 2016

LA PACE E’ UN DRAMMA

 Jesus, n° 12, Dicembre 2016
ʼădāmȃ terra dei viventi

Nella notte, i pastori e il loro gregge sono avvolti di buio, di sonno, di inquietudini spezzate d’improvviso da una luce di gloria che incute timore. Anche il silenzio notturno viene infranto dalla voce di un angelo che porta una straordinaria notizia: …. leggi l’intero articolo

Moschea di Dacca (Bangladesh)
Marina Tabassum

ERETICI E PROFETI: GARIELLA CARAMORE
C’È PO’ DI DIO IN TWOMBLY E MORANDI

Il Giornale dell’arte, Vernissage
n° 189 Novembre 2016
Intervista di Edek Osser

Siamo di fronte a una trasformazione profondissima del pensiero, a una riflessione scientifica inimmaginabile fin ad ora e anche a un nuovo linguaggio dell’arte…

Mahvash Sabet    –    مهوش ثابت

MAHVASH SHABET. IMBATTERSI IN VITE SCONOSCIUTE

 Jesus, n° 11, Novembre 2016
ʼădāmȃ terra dei viventi *

Imbattersi in vite sconosciute, ascoltare voci mai udite, immaginare volti e sguardi e mani che mai ci accadrà di incontrare: anche questa è la grande meraviglia di fronte  alla scoperta di un nuovo testo poetico. Attraverso parole … leggi l’intero articolo

* dal marzo 2014 Gabriella Caramore tiene sulla rivista Jesus una rubrica dal titolo ʼădāmȃ terra dei viventi

Particolare da “Chiamata di Matteo”,
Caravaggio

IL CUORE DALLA PARTE DEI MISERI

AA. VV., Giubilei. Spiritualità, storia, cultura, a cura di Luca Massidda,
Utet grandi opere 2016

La parola “misericordia” ha sapore antico. Difficile sentirla oggi usare nel linguaggio comune. Le rimane addosso un’enfasi religiosa allusiva a un intervento dall’alto in soccorso di chi si affatica e patisce sulla crosta della terra, che la rende estranea alla lingua di questo tempo. “Ormai solo un dio ci può salvare”, è stato detto.
Leggi l’intero saggio.

Copertina di “Atlante di zoologia profetica”

LA RABBIA E LA GIUSTIZIA

VV., ATLANTE DI ZOOLOGIA PROFETICA.  ATELIER DELL’ERRORE,
a cura di Marco Belpoliti
Corraini Edizioni 2016

Quando ho visto per la prima volta i disegni dei “piccoli maestri” dell’Atelier dell’errore, sono rimasta sopraffatta dalla potenza dei colori, dall’ardire degli accostamenti, dalle forme graffiate, arrabbiate dei disegni, qua e là alternate con una certa pesantezza nei volumi, una malinconia nello sguardo di questi animali fantastici: qua e là una espressione attonita, come di stupore o sorpresa. ….
Leggi l’intero saggio

Josif  Brodskij

JOSIF BRODSKIJ, LA MIA VITA È UN’ASTRONAVE
di Gabriella Caramore

Intervista radiofonica del 17 gennaio 1993 all’interno dela trasmissione di Radio 3 Paesaggio con figure.
Ora in Josif Brodskij, Conversazioni, a cura di Cynthia L. Haven, Adelphi 2015

“C’era, nel modo di discorrere, di rispondere di Brodskij – ma nel ricordo acquista rilievo anche la cornice di quell’incontro: lo spazio dell’Accademia Americana a Roma, a Villa Aurelia, sul Gianicolo, in cui il freddo eccezionale che avvolgeva la città pareva quasi smentito da accenni di primavera precoce – una particolare accelerazione del tempo logico. Una rapidità nello scartare dalla domanda, offrendo in cambio il conio di un’immagine,di una figura, o un passaggio, che solo in seconda battuta si svolgeva in pensiero. Pareva che un po’ giocasse allo stesso gioco di imprevedibilità che – ci diceva – strutturava similmente un sonetto di Auden o un quartetto di Haydn, in cui il primo verso, o la prima frase, lasciano intatta la sorpresa di quello successivo … ”     p.245